FENDI RAFFORZA IL LEGAME CON L’ARTE E LA CITTÀ DI ROMA

Leave a comment Standard

Fendi rafforza il legame con Roma e con il mondo dell’arte e sigla una partnership triennale con la Galleria Borghese. L’accordo tra le parti prevede la costituzione del centro di ricerca Caravaggio Reserch Institute per la realizzazione della più completa banca dati sull’artista, partendo proprio dal significativo corpus pittorico custodito dalla galleria.

“Caravaggio Research” si sviluppa grazie ad un piano di lavoro che prevede la creazione di una piattaforma digitale, con informazioni e aggiornamenti bibliografici, documentari, archivistici, filologici, storiografici, iconografici, raccolti grazie a collaborazioni scientifiche con musei, pinacoteche, fondazioni, chiese e collezioni private di tutto il mondo.

Per diffondere questo ambizioso progetto, Fendi e la Galleria Borghese si sono impegnati a supportare un programma di mostre e di esposizioni nei più importanti poli museali del mondo. Si comincia con l’appuntamento al Getty Museum di Los Angeles. Qui, dal 21 novembre, verranno esposte per la prima volta tre opere di Caravaggio provenienti dalla Galleria Borghese: il “San Girolamo”, il “Giovane con canestro di frutta” e il “David con la testa di Golia”. Inoltre, Fendi sosterrà per tre anni le mostre in calendario alla Galleria Borghese, cominciando con quella sul Bernini, prevista dal giorno 1 novembre al 4 febbraio.

Un impegno da parte di Fendi che parte da una cifra iniziale di 1 milione 300mila euro, come rivelano nella conferenza stampa l’ad e presidente di Fendi Pietro Beccari e la direttrice della Galleria Borghese Anna Coliva.

PTR

Annunci

The Spirit of Caravaggio – Immersive Experience

Comment 1 Standard

18664193_426681054376530_4864695461396550184_nThe Spirit of Caravaggio è arrivata nelle suggestive Sale del Bramante, situate in Piazza del Popolo a Roma, un tempo studio del celebre architetto rinascimentale, sono addossate alle mura Aureliane attigue alla Basilica di Santa Maria del Popolo, l’esposizione sarà in mostra fino a novembre 2017.

Un viaggio multimediale dedicato e incentrato sul grande talento di uno degli artisti italiani più importanti della storia un’esperienza sensoriale e unica per ripercorrere le sue opere più famose.

La mostra è totalmente digitale e delizierà lo spettatore con spettacolari videoproiezioni realizzate in alta qualità. La mostra The Spirit of Caravaggio sarà composta di tre aree espositive ambientate nelle sale del Bramante. Al termine della visita, sarà possibile visitare anche il sepolcro dei Domizi, ovvero l’antica tomba risalente alla prima età imperiale dove con tutta probabilità vennero sepolte le ceneri dell’Imperatore Nerone. Un’occasione imperdibile per tutti gli amanti di Caravaggio, ma anche per chi vuole approfondire meglio la sua conoscenza artistica.

Tutti i giorni ore 11.00-19.00, ultimo ingresso ore 18.30.

Indirizzo: Piazza del Popolo, 12.
Zona: Rione Campo Marzio (P.Spagna-P.Popolo-Pincio) (Roma centro).

Ticket Mostra + Sepolcro dei Domizi:
Ingresso intero: € 10,00
Ingresso ridotto: € 8,00
Ingresso gruppi: € 7,00
Ingresso gratuito: per guide, giornalisti mediante presentazione del tesserino o di valida certificazione

CONTATTI

Telefono: +39 06 56569302

DA CARAVAGGIO A BERNINI ALLE SCUDERIE DEL QUIRINALE IN MOSTRA I TESORI DELLE COLLEZIONI REALI DI SPAGNA

Comments 2 Standard

Le Scuderie del Quirinale hanno il piacere di ospitare fino al 30 luglio, la mostra da Caravaggio a Bernini, una raccolta dei capolavori del Seicento italiano selezionate accuratamente dalle collezioni dei reali di Spagna.

L’esposizione, inaugurata il 13 aprile alla presenza del presidente Sergio Mattarella e del presidente della Camera dei Deputati di Spagna Ana Pastor Juliàn, è appunto stata concepita grazie ad una co-organizzazione italo-iberica e per la prima volta porta in Italia 60 opere del Patrimonio Nacional reale spagnolo.

Lo scopo della mostra è quello di illustrare le opere simbolo degli stretti legami politico- culturali intercorsi tra Spagna e Italia nel XVII secolo e gli scambi artistici tra i due paesi di quell’epoca. Grazie al collezionismo di opere italiane di reali e ambasciatori spagnoli, una tradizione inaugurata già da Carlo V nel Cinquecento, si formò in il gusto e la scuola nazionale di cui Diego Velázquez fu portavoce in Europa. Il capolavoro simbolo di questa influenza italiana nell’opera dell’artista è la sua grande tela presente ora alle Scuderie, La tunica di Giuseppe, realizzata da Veálzquez proprio al ritorno dal suo primo viaggio in Italia.

La Salomè con la testa del Battista di Caravaggio ( 1607 ca) e il Crocifisso del Bernini ( 1655 ca) , sono emblema della stima di cui godeva l’arte italiana nella penisola iberica. Il dipinto del Merisi è stato portato dal Palacio Real di Madrid e recentemente restaurato. L’artista racconta l’episodio biblico come fosse una storia contemporanea della quale sono protagoniste le figure che emergono dall’ombra in tutta la loro drammaticità.

Il Crocifisso del Bernini proviene dal Monastero di San Lorenzo dell’Escorial e venne commissionata dagli emissari del re Filippo IV, normalmente non è accessibile al pubblico. Si tratta dell’unica opera completa in metallo realizzata dall’artista e giunta fino a noi, che non sia stata annessa ad un complesso monumentale.

Molte altre opere in mostra furono doni diplomatici da parte di governatori e principi italiani che cercavano protezione da parte della Corona spagnola per i loro principati. Tra questi due tra i dipinti selezionati: Lot e le figlie di Guercino e La conversione di Saulo di Guido Reni, donate dal principe Ludovisi di Piombino a Filippo IV.

Josè De Ribera, che trascorse la maggior parte della sua vita a Napoli, è presente con cinque dei suoi capolavori più celebri tra cui Giacobbe e il gregge di Labano. Così come il partenopeo Luca Giordani che fu invitato a prestare servizio alla corte spagnola per dieci anni.

Tutti questi capolavori sono parte dello splendido Patrimon Nacional; la collezione reale che dal 1865 è stata messo a disposizione dello stato spagnolo dalla Corona. Grazie al curatore della mostra ” Da Caravaggio a Bernini…”, Gonzalo Redìn Michaus, 60 opere selezionate da questo prezioso patrimonio saranno visitabili alle Scuderie del Quirinale dal 14 aprile al 30 luglio.

Per info: https://www.scuderiequirinale.it/mostra/da-caravaggio-a-bernini-capolavori-del-seicento-italiano-nelle-collezioni-reali-di-spagna