PICASSO A ROMA: TRA CUBISMO E CLASSICISMO

Leave a comment Standard

 

Mostra_di_Picasso_Scuderie_Quirinale_Roma

La mostra Pablo Picasso arriva nella Capitale, dal 22 settembre 2017 al 21 gennaio 2018 alle Scuderie del Quirinale.

È il febbraio del 1917 e in Europa infuria la Grande Guerra. Pablo Picasso, che ha solo 36 anni ma è già il grande pittore che ha guidato la rivoluzione cubista, arriva per la prima volta in Italia.  A cento anni da quel viaggio che segnò tanto la sua arte quanto la sua vita privata, le Scuderie del Quirinale celebrano Pablo Picasso con una grande mostra che si inserisce nel progetto Picasso Méditerranée del Musée National Picasso – Paris.

La mostra dal titolo “Picasso. Tra Cubismo e Classicismo 1915-1925” raccoglie un centinaio di capolavori esposti e scelti dal curatore Olivier Berggruen, in collaborazione con Anunciata von Liechtenstein, con prestiti di musei e collezioni eccellenti, dal Musée Picasso e dal Centre Pompidou di Parigi alla Tate di Londra, dal MoMa e dal Metropolitan Museum di New York al Museum Berggruen di Berlino, dalla Fundació Museu Picasso di Barcellona al Guggenheim di New York.

La mostra si soffermerà in particolare sul metodo del pastiche, analizzando le modalità e le procedure tramite le quali Picasso lo utilizzò come strumento al servizio del modernismo, in un percorso dal realismo all’astrazione tra i più originali e straordinari della storia dell’arte moderna. L’esposizione illustrerà gli esperimenti condotti da Picasso con diversi stili e generi: dal gioco delle superfici decorative nei collage, eseguiti durante la prima guerra mondiale, al realismo stilizzato degli “anni Diaghilev”, dalla natura morta al ritratto.

A Palazzo Barberini poi, nel grandioso salone affrescato da Pietro da Cortona, verrà esposto, per la prima volta a Roma, il sipario dipinto per Parade, una immensa tela lunga 17 metri e alta 11. L’architettura di Bernini sarà la cornice per un emozionante dialogo tra l’opera di Picasso e il grande affresco barocco.

DOVE: Le Scuderie del Quirinale Roma, Via XXIV Maggio, 16

ORARIO MOSTRADa domenica a giovedì dalle 10.00 alle 20.00 / Venerdì e sabato dalle 10.00 alle 22.30. L’ingresso è consentito fino a un’ora prima dell’orario di chiusura.

BIGLIETTERIA: Tutti i biglietti includono l’audioguida in italiano, inglese e francese.

Intero € 15,00 

Ridotto € 13,00.

L’ingresso gratuito è valido per ragazzi fino a 17 anni.

Per maggiori informazioni: http://www.scuderiequirinale.it

 

Annunci

MOSTRA BOLDINI COMPLESSO DEL VITTORIANO

Leave a comment Standard

Il 4 marzo 2017 a Roma nel Complesso del Vittoriano sarà inaugurata la mostra di GIOVANNI BOLDINI un grande esponente della Bella Epoque, un pittore straordinario che ha immortalato nelle sue tele i ritratti delle donne più belle dell’alta società di Parigi.

La mostra durerà fino al 16 luglio 2017, saranno esposti centocinquanta capolavori provenienti dai musei internazionali più importanti tra cui spicca il ritratto di Franca Florio, una delle icone della Bella Epoque. Saranno esposti inoltre il “Ritratto di Madame Blumenthal” del 1896,il “Ritratto di signora in bianco” del 1889, la “Signora che legge” del 1875 e “La tenda rossa” del 1904. Oltre ai suoi dipinti (circa 120) ve ne saranno una trentina realizzati da artisti a lui contemporanei tra i quali spiccano i nomi di Telemaco Signorini, Cristiano Banti e Corcos De Nittis.

La mostra sarà suddivisa i quattro sezioni nelle quali si susseguiranno ritratti come quello di Verdi ed Emiliano Concha de Ossa, paesaggi naturali, ambienti cittadini ma anche le toilette ed i nudi. L’esposizione di Boldini, infine, partirà con il soggiorno del pittore a Firenze dal 1964 al 1870, periodo in cui partecipò al rinnovamento sia artistico che ideologico dei Macchiaioli.

BIGLIETTI

Intero € 14,00 (audioguida inclusa)

Ridotto € 12,00 (audioguida inclusa)
65 anni compiuti (con documento); ragazzi da 11 a 18 anni non compiuti; studenti fino a 26 anni non compiuti (con documento); militari di leva e appartenenti alle forze dell’ordine; diversamente abili; giornalisti con regolare tessera dell’Ordine Nazionale (professionisti, praticanti, pubblicisti); dipendenti e agenti (muniti di badge) e clienti (muniti di dem nominale) Generali Italia

Ridotto Gruppi € 10,00
prenotazione obbligatoria, min 15 max 25 pax
microfonaggio obbligatorio

Ridotto speciale € 10,00 (audioguida inclusa)
Guide con tesserino se non accompagnano un gruppo

Universitari € 6,00 (audioguida inclusa)
ogni martedì escluso i festivi , per tutti gli studenti universitari senza limiti di età

Ridotto scuole € 5,00

prenotazione obbligatoria, min 15 max 25 pax microfonaggio obbligatorio per le scuole secondarie di 1° e 2° grado

Ridotto bambini € 6,00 
(audioguida inclusa)

bambini da 4 a 11 anni non compiuti

Ridotto Scuola del’infanzia € 3,00

prenotazione obbligatoria, min 15 max 25 pax

Biglietto Open € 16 (audioguida inclusa)

Consente l’ingresso alla mostra senza necessità di bloccare la data e la fascia oraria. Il biglietto open è acquistabile direttamente presso la biglietteria della mostra.


Omaggio (audioguida inclusa) 
Bambini fino a 4 anni non compiuti; accompagnatori di gruppi (1 ogni gruppo); insegnanti in visita con alunni/studenti (2 ogni gruppo); soci ICOM (con tessera); un accompagnatore per disabile; possessori di coupon di invito; possessori di Vip Card Arthemisia Group; giornalisti con regolare tessera dell’Ordine Nazionale (professionisti, praticanti, pubblicisti) in servizio previa richiesta di accredito da parte della Redazione all’indirizzo press@arthemisia.it

Diritti di prenotazione e prevendita:

Gruppi e singoli € 1,50 per persona
Scolaresche € 1,00 per studente

Microfonaggio obbligatorio
Gruppi € 30,00
Scuole € 15,00

Informazioni e prenotazioni
T + 39 06 87 15 111

Sito Web: http://www.ilvittoriano.com

 

 

LE IMPERDIBILI MOSTRE DEL 2017

Leave a comment Standard

La magia di Roma si svela anche nei suoi musei. Ecco le principali mostre da vedere a Roma nel 2017.

Mostre al Museo di Roma

Artemisia Gentileschi – fino all’8 maggio 2017

Racconta la celebre pittrice del ‘600 in novanta opere questa grande mostra a Palazzo Braschi, Museo di Roma. Con circa 90 opere provenienti da tutto il mondo, un percorso che svela gli aspetti più autentici dell’artista, attraversando un arco temporale che va dal 1610 al 1652. In esposizione capolavori come Giuditta che taglia la testa a Oloferne, Ester e Assuero, Autoritratto come suonatrice di liuto.

Orari: dal martedì alla domenica ore 10.00 – 19.00, lunedì chiuso.

I pittori del ’900 e le carte da gioco. La collezione di Paola Masino – fino al 30 aprile 2017

Carte da gioco d’autore in mostra. Sono queste le originali testimonianze dei principali pittori del ‘900 custodite in una collezione privata e ora in mostra. Da Carla Accardi a Burri, a Consagra, da Primo Conti a Carrà, da Carlo Levi a Guttuso, a Fausto Pirandello. Questa suggestiva partita è idealmente possibile grazie alla collezione di carte di Paola Masino (1908-1989), donate al Museo di Roma ed esposte per la prima volta al pubblico nelle sale al piano terra di Palazzo Braschi fino al 30 aprile 2017.

Orari: dal martedì alla domenica ore 10.00 – 19.00, lunedì chiuso.

Palazzo Braschi, ingresso da Piazza Navona, 2 e da Piazza San Pantaleo, 10, Roma.

Mostre alla Casa del Cinema

Talenti intrecciati: Visconti, Garbuglia, Tosi – fino al 22 febbraio 2017

Scenografi, costumisti e fotografi hanno contribuito a rendere indimenticabile il cinema di Luchino Visconti. Ai loro talenti, intrecciati con quello del grande regista, fino al 22 febbraio la Casa del Cinema dedica una mostra, oltre che una rassegna cinematografica.

In mostra i bozzetti dello scenografo Mario Garbuglia e del costumista Piero Tosi e le fotografie di Mario Tursi. La Casa del Cinema di Roma si trova in Largo Marcello Mastroianni 1.

Orari: lunedì – venerdì ore 15-19; sabato e domenica ore 10-13, 15-19.

Mostre ai Musei Capitolini

L’Annunciazione di El Greco – fino al 17 aprile 2017

L’Annunciazione di El Greco arriva a Roma, in occasione del progetto di scambio tra il Museo Thyssen Bornemisza di Madrid e i Musei Capitolini. Occasione unica per ammirare l’opera del grande artista cretese che visse in Spagna gli ultimi 40 anni della sua vita e lì prese il soprannome con il quale è universalmente noto. La mostra è ospitata nelle sale al piano terra dei Musei Capitolini fino al 17 aprile 2017.
E’ visitabile tutti i giorni dalle 9.30 alle 19.30, in piazza del Campidoglio 1.

Leonardo e il volo – fino al 17 aprile 2017

Il Codice sul volo degli uccelli è il manoscritto che raccoglie la summa delle intuizioni elaborate da Leonardo Da Vinci sull’argomento: dal mito di Dedalo e Icaro, volare è il sogno che appartiene alla storia della civiltà. Oggi il documento arriva per la prima volta a Roma, ai Musei Capitolini.

E’ visitabile tutti i giorni dalle 9.30 alle 19.30

Mostre all’Ara Pacis

Picasso Images. Le opere, l’artista, il personaggio – fino al 19 febbraio 2017

Non solo le opere dell’artista spagnolo da ammirare: in mostra ci sono circa duecento fotografie d’epoca, insieme a una selezione di opere grafiche, sculture e dipinti in arrivo dal Musée national Picasso di Parigi. Un’occasione per conoscere anche lati personali e intimi di Picasso e il rapporto dell’artista con l’immagine fotografica.
Orari: tutti i giorni 9.30-19.30.

L’Ara com’era – fino al 30 ottobre 2017

Il racconto del Museo dell’Ara Pacis diventa totalmente immersivo. Combinando realtà virtuale e aumentata, riprese cinematografiche dal vivo, ricostruzioni in 3D e computer grafica, si può compiere un viaggio nel tempo all’interno nell’antico Campo Marzio settentrionale dove sarà possibile assistere alla prima ricostruzione in realtà virtuale di un sacrificio romano.

Per gli orari (che variano) consultare il sito ufficiale.

Mostre al Vittoriano

Edward Hopper – fino al 12 febbraio 2017

In mostra a Roma sessanta capolavori dell’artista americano, maestro di luci ed ombre e iper realtà. E’ stata realizzata in collaborazione con il Whitney Museum of American Art di New York. Si passa da Parigi, ritratta in acquerello, agli angoli metropolitani risalenti agli anni ’50 e ’60. Tra i capolavori di Hopper in mostra South Carolina Morning (1955), Second Story Sunlight (1960), New York Interior (1921).

Orari: dal lunedì al giovedì 9.30 – 19.30; venerdì e sabato 9.30 – 22.00; domenica 9.30 – 20.30.

Anteprima: altre due mostre sono in arrivo nell’Ala Brasini del Complesso del Vittoriano: dal 4 marzo al 16 luglio l’esposizione dedicata a Giovanni Boldini, mentre da maggio a settembre sarà la volta di Botero (date ancora da confermarsi).

Mostre a Palazzo degli Esami

Van Gogh Alive – fino al 27 marzo 2017

Ecco un’immersione multimediale nella vita e nell’arte del grande pittore olandese. In mostra gli anni che corrono tra il 1880 e il 1890, e i suoi luoghi, da Parigi ad Arles da Saint-Rémy a Auvers-sur-Oise, grazie al mix tra fotografie, video, colonna sonora.
Il Palazzo degli Esami si trova in via Girolamo Induno, 4.

Orari: dal lunedì al giovedì 10-20; venerdì e sabato 10-23; domenica 10-21.

Mostre alla Galleria d’Arte Moderna

Giovanni Prini. Il potere del sentimento – fino al 26 marzo 2017

Giovanni Prini fu scultore, pittore, artigiano, si trasferisce da Genova a Roma agli inizi del Novecento dove, insieme alla moglie Orazia Belsito, aprì la sua casa-studio sulla via Nomentana agli esponenti più giovani della vita culturale della capitale, amici, intellettuali e artisti.

La Galleria d’Arte moderna di Roma si trova in via Francesco Crispi 24.

Orari: da martedì a domenica 10.00 – 18.30, chiuso il lunedì.

Mostre al Chiostro del Bramante

Love. L’arte contemporanea incontra l’amore – fino al 26 febbraio

La mostra riunisce alcuni tra i più importanti artisti dell’arte contemporanea, come Yayoi Kusama, Tom Wesselmann, Andy Warhol, Robert Indiana, Gilbert & George, Francesco Vezzoli, Tracey Emin, Marc Quinn, Francesco Clemente e Joana Vasconcelos, con opere intorno al tema dell’amore e delle sue mille sfaccettature.

Orari: dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 20.00; sabato e domenica dalle 10.00 alle 21.00

La Grande Onda. Viaggio in Giappone – dal 10 aprile al 10 settembre

Arriva anche a Roma, proprio al Chiostro del Bramante, la mostra che ha affascinato Milano. In mostra le opere degli artisti nipponici Hiroshige, Hokusai, Utamaro, Kunisada e Okkei.

Mostre all’Auditorium Parco della Musica

The Art of the Brick – fino al 26 febbraio

Anche questa mostra ha tenuto banco a Milano e continua a farlo a Roma fino alla fine di febbraio. Un mondo di mattoncini Lego a creare opere celebri come la Gioconda di Leonardo Da Vinci, L’Urlo di Munch, la Notte Stellata di Van Gogh. Ma anche realizzazioni particolari come lo scheletro di un T-Rex.

Orari: dal lunedi al giovedi 11-20; dal venerdi al sabato 11-22; domenica 10-20.

Mostre al Guido Reni District

City Lego – fino al 5 marzo

I Lego imperversano nella Capitale. Oltre a The Art of the Brick, i celebri mattoncini sono protagonisti anche di questa mostra. Ce ne sono oltre 7 milioni, e hanno costruito una città fantastica. L’esposizione è stata prorogata fino al 5 marzo prossimo ma solo con aperture eccezionali il sabato e la domenica.

Guido Reni District si trova in via Guido Reni 7.

Orari (nei soli giorni del weekend): sabato 10-21.30; domenica 10-20.30.

LE MOSTRE A ROMA PER LA PRIMAVERA 2016

Leave a comment Standard

quirinale-parmigianino-2015-default

La primavera è alle porte e a Roma sono tanti gli appuntamenti per questa nuova stagione ecco tutte le mostre in programma per gli appassionati di arte.

MOSTRE: SCUDERIE DEL QUIRINALE E CHIOSTRO DEL BRAMANTE

Le Scuderie del Quirinale ospitano, dal 12 Marzo 2016 al 26 Giugno 2016, una mostra di altissimo livello intitolata:  “Correggio e Parmigianino. Arte a Parma nel Cinquecento”. La mostra è curata da David Ekserdjian, che è il più grande studioso vivente dell’arte della Scuola di Parma. Al Chiostro del Bramante, dal 16 marzo al 4 settembre, sarà possibile visitare la mostra I Macchiaioli. Le collezioni svelate – una ricca retrospettiva sul movimento pittorico più importante dell’Ottocento italiano, con 110 opere provenienti da importanti collezioni.

MOSTRE: ARA PACIS E PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI

Prosegue nelle sale dell’Ara Pacis, fino all’ 8 maggio, la mostra “Toulouse-Lautrec, la collezione del Museo di Belle Arti di Budapest”: in esposizione circa 170 opere prestate per l’occasione dal Museo di Belle Arti di Budapest. Dal 13 febbraio al 1 maggio 2016 si potrà ammirare, al Palazzo delle Esposizioni, il ciclo pittorico  di Fernando Botero: “La via Crucis. La Passione di Cristo”, realizzato dal pittore Colombiano tra il 2010 e il 2011 – costituito da 27 olii e 34 opere su carta .

MOSTRE: MUSEO DI ROMA TRASTEVERE E MAXXI

Dal 27 febbraio al 24 aprile 2016 l’esposizione “Fumetto italiano. Cinquant’anni di romanzi disegnati”: il fumetto italiano sarà il protagonista della mostra ospitata nel Museo di Roma Trastevere con oltre 300 tavole originali di grandi autori come Hugo Pratt, Andrea Pazienza e Zero Calcare. Non poteva mancare a Roma l’Arte Contemporanea: il MAXXI ha presentato un calendario ricco di incontri ed esposizioni (ben 17 mostre per il 2016): fino al 20 aprile, la mostra: “Istambul. passione furore e gioia”, fino al 28 marzo la mostra Transformers; JIMMIE DURHAM. Sound and Silliness, fino al 24 aprile; proseguiamo con PIERLUIGI NERVI. Architetture per lo sport, fino al 2 ottobre e infine fino al 5 maggio, sarà esposto il progetto di Amos Gitai, “Cronaca di un assassinio annunciato”.

L’ ESPOSIZIONE UNIVERSALE DEL 1942 IN MOSTRA ALL’ ARA PACIS

Leave a comment Standard

La storia dell' Eur in mostra all' Ara Pacis

Far scoprire l’Italia al mondo: questo era il progetto del fascismo nell’organizzare la Fiera Universale del 1942. Secondo il progetto originale l’Esposizione avrebbe accolto tutti i paesi del mondo e riservato all’Italia una sezione composta da edifici permanenti, primo nucleo di un quartiere a venire. Lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale bloccò i lavori e solo dagli anni ’50 in poi il quartiere, rimasto abbandonato, fu trasformato nell’attuale zona direzionale e residenziale. In occasione dell’Expo di Milano, il Museo dell’Ara Pacis ospita, dal 12 marzo al 14 giugno 2015, la mostra “Esposizione Universale Roma. Una città nuova dal fascismo agli anni ’60” che intende ripercorrere la storia dell’Eur, nato come simbolo della monumentalità fascista e divenuto espressione del miracolo economico degli anni ’60.

145603066-a95f7d54-f83b-423d-a4a8-aea0eddfd2ea

Fino al 14 giugno 2015, in occasione di Milano Expò 2015, il Museo dell’Ara Pacis a Roma ospiterà la Mostra dal titolo: Esposizione Universale Roma. Dal Fascismo agli anni ’60.

A distanza di 80 anni dall’Esposizione Universale di Roma del 1942 che diede origine al quartiere E.U.R. – come noto mai tenuta per il procedere degli eventi bellici – un’altra città italiana si prepara ad accogliere il grande evento universale: Expo Milano 2015 è l’appuntamento che porterà a Milano, ma anche a Roma, visitatori da tutto il mondo attraverso un ricco programma di mostre, conferenze, spettacoli, degustazioni.
La mostra ripercorrerà le vicende del quartiere EUR attraverso alcuni passaggi fondamentali che ne hanno segnato la sua formazione e trasformazione: dal progetto interrotto dell’E42, una grande Esposizione Universale destinata a celebrare il genio italico nel ventennale della cosiddetta rivoluzione fascista, alla ripresa dei lavori – a partire dagli anni ’50 – e alla nascita del più moderno centro residenziale e direzionale di Roma.
In questo contesto l’Eur, al contempo luogo della memoria e della modernità, della conservazione e dell’evoluzione, della contemporaneità e della trasformazione urbana, rappresenta un luogo d’elezione, nodo di collegamento tra Milano 2015 e Roma 1942 perché sintesi culturale di due città che in due secoli diversi hanno affrontato la grande sfida dell’Expò.
Attraverso un ricco apparato documentario fotografico, filmico delle opere degli artisti e architetti coinvolti nel progetto dell’E42, il pubblico è invitato a riscoprire l’entusiasmo progettuale e insieme le contraddizioni – tra richiami al mito di Roma e slanci modernisti – del grande cantiere di quell’Esposizione Universale che mai vide la luce e tuttavia – già nelle intenzioni – tracciò le direttrici di una futura espansione urbanistica. Interrotti i lavori a causa della guerra, l’EUR cadde in uno stato di abbandono; di questo la mostra tenta di restituire un’immagine attraverso scatti sospesi nel tempo, tra occupazioni di truppe straniere, ricoveri per sfollati e lunghe vedute silenziose.

145603067-7dc68f47-6d5f-4311-b009-43d343937761 145603587-97ab9c4b-decc-407b-b8a2-ea98aeaedf1a

Immagini: archivi fotografici di EUR S.p.A. clicca qui

Per maggiori info: http://www.arapacis.it