LE TERME DI CARACALLA SI ILLUMINANO DI MAGIA!

Leave a comment Standard

Se la bellezza ha un volto, questo è quello di Roberto Bolle & Friends… che hanno illuminato di magia l’ Opera di Roma con una location sorprendente: il complesso delle Terme di Caracalla sorprendentemente illuminato per l’ occasione.

Il tema centrale e’ il “viaggio nella bellezza” un viaggio ideale è artistico attraversando i luoghi più belli del nostro paese. Perché la bellezza arricchisce, a chi la fa e a chi ne usufruisce e in questa sera il suo custode più prezioso l’ ha esaltata nel migliore dei modi, Roberto Bolle un carisma senza confronti sul panorama italiano e internazionale. Calma, magnificenza e portamento regale il gesto e’ nitido e leggero: emana il senso di una forza eroica.

Incipit da antologia con il pas de deux classico di Excelsior (coreografia di Ugo Dall’Ara dopo Luigi Manzotti), storico grande ballo italiano sul progresso della civiltà scelto appositamente per celebrare Expo Milano 2015 e che apre la serata con lo statuario ballerino che solca la scena insieme a Nicoletta Manni, prima ballerina della Scala di Milano per poi avventurarsi nel sensualissimo gioco di seduzione nel pas de deux della Carmen di Petit. Ma tutta la serata riserva una perla dopo l’altra.

Il pubblico ammira e applaude la stella Roberto Bolle che si esibisce nel travolgente e intimo Opus 100 – für Maurice di John Neumeier, in perfetta simbiosi con Alexandre Riabko dall’Hamburg Ballet o in trio nell’incantevole Canon in D Major con i gemelli Jiří Bubeníček (anche coreografo, dal Semperoper Ballet) e Otto Bubeníček (dall’Hamburg Ballet) fino ai travolgenti applausi finali di un incontenibile pubblico.

Una serata che rimarrà nel nostro cuore e in quello di tutti i romani! GRAZIE ancora a tutti coloro che sono promotori di questa “Aeterna bellezza”…

 
  
  

  
  

Annunci

IL PICCOLO COLLE NASCOSTO DI ROMA: BENVENUTI A SAN SABA

Leave a comment Standard

E’ da sempre una delle zone meno conosciute di Roma, in molti la chiamano “piccolo Aventino” benvenuti nel Rione di San Saba sede tra l’ altro della redazione di Roma AeternaSituato nel vicino complesso archeologico delle Terme di Caracalla, il rione di San Saba è un vero polmone di verde messo a riparo dal caos della città, perchè sorge su un colle nel pieno centro di Roma e più precisamente tra il Circo Massimo e la Piramide Cestia.

Ciò che lascia davvero sorpresi è la fusione architettonica di questo luogo: Palazzi d’ epoca riccamente affrescati ma anche le tipiche case popolari, previste tra il 1907 e il 1914 dal Blocco Popolare che aveva fatto realizzare sul Piccolo Aventino 10 lotti di edilizia residenziale destinati alla piccola borghesia impiegatizia.

Scorcio tra le abitazioni del Rione San Saba

Scorcio tra le abitazioni del Rione San Saba

DSC_0012

Residenza privata in San Saba

DSC_0013

DSC_0011

La caratteristica edilizia del Rione San Saba

La caratteristica edilizia del Rione San Saba

Lotto di casa popolari stile

Lotto di casa popolari stile “inglese”

Rione San Saba Roma

Il Colle prende questo nome per via della Chiesa dedicata appunto a San Saba, le sue architetture medievali sono state in parte ripristinate durante i restauri del 1900-1901 e del 1943, anche se la facciata originale è tuttora coperta da una disarmonica costruzione con portico settecentesco.

Chiesa di San Saba Roma

Chiesa di San Saba Roma

Roma_chiesa_san_saba

San_Saba_02

Ma il vero cuore di San Saba è la sua Piazza con alberi che fanno ombra alle panchine, fontanelle per la sete dei suoi abitanti, al centro un piccolo monumento ai caduti della grande guerra, il mercato la mattina, la sua scuola elementare. C’è il giornalaio, alcuni negozi di alimentari, un bar, e una volta c’era anche un cinema – si chiamava Rubino – che ora è diventato un piccolo teatro, l’Anfitrione. C’è, insomma, tutto quel che rende autonomo e riconoscibile questo piccolo paese.

Piazza Bernini luogo di incontro nel rione

Piazza Bernini luogo di incontro nel rione

Il Mercato del Rione San Saba

Il Mercato del Rione San Saba

Tipico ristorantino adiacente alla Piazza centrale

Tipico ristorantino adiacente alla Piazza centrale

Teatro Anfitrione a San Saba

Teatro Anfitrione a San Saba

Tutti finiscono per passare dalla piazza almeno una volta al giorno: i ragazzi che fanno la spola tra la scuola e il campo giochi, gli anziani che popolano le panchine, la gente al mercatino, un gruppetto di adulti che verso sera gioca a carte sul cofano di una macchina, e siccome molti degli abitanti di oggi sono i figli e i nipoti di quelli di allora qui tutti si salutano perchè si conoscono perfettamente.

Molto importante nella storia del rione è stato il vincolo del parco archeologico e del complesso delle Terme di Caracalla che hanno contribuito a limitare fortemente la costruzione edilizia di questa parte di Roma. Ed è proprio venendo da uno dei viali principali di San Saba chiamato Viale Giotto che si può ammirare una vista da togliere il fiato: il complesso monumentale delle Terme di Caracalla.

DSC_0009

Il Complesso delle Terme di Caracalla viste da San Saba

Il Complesso delle Terme di Caracalla viste da San Saba

Le Antiche Terme di Caracalla

Le Antiche Terme di Caracalla

L' infinito a simboleggiare l' eternità di Roma

L’ infinito a simboleggiare l’ eternità di Roma

Non rimane altro che passeggiare in questo bellissimo paesino al centro di Roma e godere delle sue bellezze storiche e architettoniche ma soprattutto di assaporare quel gusto popolare che qui ancora sopravvive!